Aumenta le dimensioni del carattereDiminuisci le dimensioni del carattere



Il Carnevale

Di norma la seconda domenica di Marzo, si svolge il carnevale a Mordano. Tra le strade del paese sfileranno gruppi mascherati, carri allegorici locali e saranno presenti, con le proprie opere, i maestri della cartapesta provenienti da varie parti della Romagna. La ripresa di questa manifestazione è stata fortemente voluta dai gruppi organizzati di Mordano e dai vari genitori che volevano nuovamente offrire ai propri figli una giornata d’allegria e di divertimento. In piazza sarà allestito uno stand gastronomico in cui si potrà gustare polenta, piadina con salsiccia, ciambella e vin brulè. Si potrà inoltre assistere allo spettacolo di un simpatico clown che coinvolgerà i bambini in vari giochi e creerà animali da palloncini colorati. A fine giornata verrà bruciata la ‘Segavecchia’.

 

Un po’ di storia…

A Mordano il carnevale fu organizzato per la prima volta dai ragazzi dell’azione cattolica, ed era composto da qualche carretto di dimensioni poco più grandi di una carriola. Questi “carri”, con sopra dei pupazzi e qualche addobbo, sfilavano per le vie del paese con al seguito un centinaio di bambini e ragazzi mascherati. Visto l’enorme successo che ebbe questa piccola iniziativa, gli educatori dell’A.C.R. riproposero il carnevale anche negli anni successivi, costruendo carri sempre più belli e più grandi. Si coinvolsero poi anche le scuole, l’asilo, i commercianti e le varie aziende del paese, e ognuno di questi presentava, ogni anno, il proprio carro o gruppo mascherato. Le dimensioni del carnevale mordanese crebbero sempre di più e nel 1989, ultimo anno di svolgimento della manifestazione, si registrò la presenza di ben 19 carri allegorici, preceduti da banda musicale e da gruppi di majorettes. In piazza veniva offerto il vin brulè, la ciambella e la piadina fritta, e molta era la gente che affollava le vie del paese. Per Mordano il carnevale era ormai diventata una tradizione, purtroppo però la diminuzione del volontariato e dei fondi, resero impossibile l’organizzazione negli anni successivi.